Provincia: La Spezia
Tipologia: villa
Stato attuale: poco conservata
Periodo di edificazione: inizi dell’800
Data di abbandono: dopo la II Guerra Mondiale
Motivo dell’abbandono: cedimenti strutturali
Accesso: su strada
Modalità di visita: vietata

Passando nella zona di Porto Lotti, poco distante dal centro cittadino, diventa impossibile non notare una singola struttura nascosta dal verde degli alberi: una maestosa villa che non ha nulla da invidiare alla famosa residenza della famiglia Adams. In molti ragazzini hanno sognato di esplorarla, in tanti altri hanno fantasticato sulle possibili presenze che vi abitano.
Villa Ramstein, oggi chiamata anche Villa Toracca, vide la luce agli inizi dell’800, quando il Cardinal Raggio ne commissionò la costruzione in una vasta area a due passi dal mare e circondata dal verde. La grande abitazione fu poi venduta all’eccentrico miliardario tedesco Ramstein, dal quale prese il nome, che trasformò la struttura a suo piacimento, privilegiando le torrette e dandole un nuovo aspetto in stile bavarese.

Villa Toracca (16)



La struttura, oggi di proprietà della Famiglia Toracca è in uno stato di estremo degrado e precarietà; visitarla è una esperienza struggente: i pavimenti scricchiolano sotto il peso dei rari visitatori, le scale a stento reggono il peso di chi le percorre timoroso. Al piano terra le grandi stanze sono ormai logore, l’antica cucina è ancora meravigliosa e denota una certa ricchezza, salendo le scale, meno sfarzose di quello che una villa così promette, s’incontra una carrozzina non più utilizzata ormai da moltissimi anni.

Villa Toracca (11)

Villa Toracca (6)

Nelle stanze al piano superiore qualche mobile è rimasto, in quello che doveva essere lo studio un pericoloso buco si è formato nel pavimento e non è difficile vedere la stanza del piano di sotto. Alla torretta si accede attraverso una scala a pioli che sonoramente gracchia ad ogni movimento, arrivati lassù si apprende che quello, diversamente da come appariva, era il luogo dove molti figli scontarono i loro castighi.
I misteri di Villa Ramstein e le leggende che sono nate a causa della sua struttura e delle vicende che l’hanno interessata sono moltissime, cosa certa è che la causa dell’abbandono è da deputarsi a dei camminamenti sotterranei costruiti durante la guerra e che, tristemente, compromisero la stabilità del pregevole stabile.

 Maggy Bettolla

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata